Sono le ore: 22:41 di 25 Lug 2017

|  Menù  | 

|  Strumenti  | 

|  Corsi E-Learning  | 

|  On-line  | 

Ci sono 6 visitatori e
0 utenti on-line

Sei un utente non registrato. Puoi loggarti qui o registrarti liberamente cliccando qui.

|  Contenuti  | 

|  Login  | 

 Nickname

 Password

 Ricordami


Non hai ancora un account?
Registrati subito.
Come
utente registrato potrai
cambiare tema grafico
e utilizzare tutti i servizi offerti.

 

 

In primo piano - Le news del Collegio

 
 
 
Ordinamento professionale.
.: Data Pubblicazione 28-Lug-2005 :: Letture:: 13236 :: Stampa solo questa pagina :: Stampa pagina con tutte le sottopagine:.

Ordinamento professionale

REGIO DECRETO 11 febbraio 1929, n. 274.

- Regolamento per la professione di geometra.

  (Pubblicato nella G. U. del 15 marzo 1929).

Art.1

II titolo di geometra spetta a coloro che abbiano conseguito il diploma di agrimensura dei Regi Istituti Tecnici o il diploma di abilitazione per la professione di geometra, secondo le norme del Regio Decreto 6 maggio 1923,n.1054.

Art. 2

Presso ogni Collegio è costituito l'Albo dei geo­metri, in cui sono iscritti coloro che, trovandosi nelle condizioni stabilite dal presente regolamento, abbiano la residenza entro la circoscrizione del Collegio mede­simo.

Art. 3

Riguarda la tenuta dell'Albo professionale. Vedi ora a pagina 13 il D. L. Lgt. 23 novembre 1944, n. 382, che detta nuove norme sui consigli degli Ordini e Collegi e sulle Commissioni interne professionali.

Art. 4

Per essere iscritto nell'Albo dei geometri è neces­sario:

a) essere cittadino italiano o cittadino di uno Stato avente trattamento di reciprocità con l'Italia;

b) godere dei diritti civili e non avere riportato con­danna alla reclusione o alla detenzione per tempo supe­riore ai cinque anni salvo che sia intervenuta la

riabili­tazione a termini del Codice di procedura penale;

e) avere conseguito uno dei diplomi indicati nel­l'art. 1.

In nessun caso possono essere iscritti nell'Albo e, qualora vi si trovino iscritti, debbono essere cancellati coloro che abbiano svolto una pubblica attività in con­traddizione con gli interessi della Nazione

Art. 5

La domanda per l'iscrizione è diretta al Consiglio del Collegio nella cui circoscrizione l'aspirante risie­de; è redatta in carta da bollo ed accompagnata dai se­guenti documenti (1)

1) atto di nascita;

2) certificato di residenza;

3) certificato generale del Casellario giudiziale di data non anteriore di tré mesi alla presentazione della domanda;

4) certificato di cittadinanza italiana o certificato di cittadinanza dello Stato avente trattamento di reci­procità con l'Italia;

5) uno dei diplomi indicati nell'art. 1.

Art. 6

Nessuno può essere iscritto contemporaneamente in più di un Albo; ma è consentito il trasferimento da un Albo all'altro, contemporaneamente alla cancella­zione della iscrizione precedente.

Art.7

Gli impiegati dello Stato e delle altre pubbliche Amministrazioni, ai quali, secondo gli ordinamenti lo­ro applicabili, sia vietato l'esercizio della libera pro­fessione, non possono essere iscritti nell'Albo; ma, in quanto sia conseguito, a norma degli ordinamenti me­desimi il conferimento di speciali incarichi, questi po­tranno loro essere affidati pure non essendo essi iscrit­ti nell'Albo.                                    

I suddetti impiegati, ai quali sia invece consentito l'esercizio della professione, possono essere iscritti nell'Albo ma sono soggetti alla disciplina del Con­siglio soltanto per ciò che riguarda il libero esercizio. In nessun caso l'iscrizione nell'Albo può costituire ti­tolo per quanto conceme la loro camera.

Gli impiegati suddetti non possono, però anche se iscritti nell'Albo, esercitare la libera professione ove sussista alcuna incompatibilità preveduta da leggi, re­golamenti generali o speciali, ovvero da capitolati.

Per l'esercizio della libera professione è in ogni ca­so necessaria espressa autorizzazione dei capi gerar­chici nei modi stabiliti dagli ordinamenti della ammi­nistrazione da cui l'impiegato dipende.

E riservata alle singole Amministrazioni dello Stato la facoltà di liquidare ai propri impiegati i corri­spettivi per le prestazioni compiute per Enti pubblici o aventi finalità di pubblico interesse.

Tali corrispettivi saranno fissati sulla base delle ta­riffe per i liberi professionisti con una riduzione non inferiore ad un terzo, ne superiore alla metà, salvo di­sposizioni speciali in contrario.

La riduzione non avrà luogo nel caso che la presta­zione sia compiuta insieme con liberi professionisti, quali componenti di una Commissione.

 (1)Alla domanda va inoltre allegata la ricevuta del versamento di L. 6.000 di tassa di concessione governativa (n. 204 tab. A, D.P.R.10 marzo 1961, n. 121).



Pagina:: 1/5 Pagina successiva

 

|  Benvenuto  | 

Il Presidente
Il Presidente Dott.Geom. Giuseppe Preiti

Dott. Geom. Giuseppe Preiti e tutto il consiglio
Consiglio dell'ordine: Il Presidente Geom. Giuseppe Preiti, Geom. Ariotta Domenico, Geom. Barbieri Pasquale, Geom. Carnovale Domenico, Geom. Impellizzeri Antonino, Geom. La Valle Nicola Luigi, Geom. Piro Biagio.

vi danno il benvenuto e Vi augurano buona navigazione


Si informa che il Presidente

riceve tutti i martedì e giovedì dalle ore 10.00 alle ore 13.00
o per e-mail
pinopreiti.geom@libero.it

Il Delegato di cassa

tutti i martedì dalle ore 10.00 alle ore 13.00.


Consiglio di disciplina.

Consiglio di Disciplina

Fondazione Cuore Immacolato di Maria Rifugio delle Anime








|  Diario News  | 


 « Luglio, 2017 » 
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31

|  Menu Categorie  | 


|  Articoli precedenti  |